SPID per i fornitori privati di servizi online: si comincia con un ospedale privato

Dopo il convegno “SPID, miraggio o realtà?” del 6 aprile 2017, ClubTI Milano lavora con AgID e il Team Digitale per accelerare l’adozione di SPID come strumento di autenticazione da parte di imprese e altre organizzazioni private.

Solo quando i cittadini potranno usare SPID anche per i servizi delle organizzazioni private, oltre che per quelli delle amministrazioni pubbliche, le credenziali SPID potranno diventare una delle chiavi principali per accreditarci online.

 

Gli erogatori privati di servizi online possono entrare nel sistema dal 7 febbraio, quando è stata pubblicata la convenzione relativa. Quattro mesi dopo, stiamo ancora aspettando che i primi la stipulino e inizino ad usare SPID come sistema di autenticazione.

Per accelerare questo processo, come anticipato sul n. 40 di ICT Professional, ClubTI ha organizzato la prima tavola rotonda tra i gestori di identità accreditati, che già offrono il servizio alle pubbliche amministrazioni e ai cittadini, e alcune imprese private.

 

La tavola rotonda ha confermato l'interesse dei gestori ad accelerare il processo, e quello corrispondente di un primo gruppo di imprese: alcuni ospedali privati tra quelli che offrono ai propri pazienti la possibilità di condividere online il loro fascicolo sanitario, facilitando la prosecuzione a distanza delle terapie avviate in sede.

 

Un primo ospedale e molti gestori di identità hanno accettato la proposta di ClubTI e stanno avviando già all'inizio di luglio un gruppo di lavoro ristretto con AgID e Team Digitale per definire tutti gli aspetti tecnici, amministrativi e commerciali che permetteranno ad un ospedale pilota di stipulare la convenzione e avviare il servizio già nei prossimi mesi.

ClubTI Milano lavorerà sia con questo tavolo ristretto, sia con associazioni di imprese che possano aiutare i propri membri a trarre beneficio dei risultati del pilota con la massima rapidità, permettendo all'ecosistema SPID di sviluppare rapidamente una componente privata significativa.

Area riservata