Iniziative pubbliche legate al COVID-19

Molte le iniziative pubbliche in questi giorni, primariamente per reperire tecnologie per tamponi, mascherine e ventilatori, ma anche per sistemi digitali di monitoraggio intelligente; segnaliamo quelle di maggior risonanza nell’ambito della digitalizzazione della sanità.

Bando Innova per l’Italia

Il governo chiama a raccolta tutti gli attori del mondo tecnologico per provare a contenere l’epidemia da coronavirus.  E lo fa lanciando l’iniziativa Innova Italia https://innovaperlitalia.agid.gov.it/home/, un progetto inaugurato il 24 marzo 2020 dai ministri per l’Innovazione Paola Pisano, dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e dell’Università e Ricerca Gaetano Manfredi. Si tratta di un invito ad aziendeuniversitàenti e centri di ricerca pubblici e privati, associazionicooperativeconsorzifondazioni e istituti, che possano contribuire con dispositivi di protezione individuale e respiratori, kit e tecnologie innovative per facilitare la diagnosi del coronavirus, strumenti per il monitoraggio e il controllo del virus.

L’idea è quella di scovare soluzioni già disponibili ma anche di invitare sia le aziende alla riconversione della produzione, sia i centri di ricerca a trovare rapide applicazioni per le loro conoscenze di algoritmi di analisi e intelligenza artificiale, robot, droni. Il tutto nel rispetto della privacy e della sicurezza dei dati. 

All’interno dell’iniziativa, è stata anche lanciata una “fast call” cioè una call con tempi strettissimi (3 giorni) relativa a Telemedicina e Data Analysis https://innovaperlitalia.agid.gov.it/call2action/index.html

Dal 26 marzo il ministero dell’Innovazione, in collaborazione con quello della Salute, l’Istituto Superiore di Sanità e l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sta selezionando, con una task force di consulenti  che lavoreranno gratuitamente, «le migliori soluzioni digitali disponibili per app di telemedicina e assistenza domiciliare dei pazienti e tecnologie e per il monitoraggio attivo del rischio di contagio» per «coordinare a livello nazionale l’adozione e l’utilizzo di queste soluzioni e migliorare il contrasto del Covid-19».    Hanno risposto alla call circa 500 progetti di telemedicina e 300 per i tracciamento dei contagi. La chiamata si è rivolta a chi aveva già in campo soluzioni concrete e riproducibili velocemente su larga scala.

Condividi l'articolo sui social
Innova per l'Italia

Iscriviti alla nostra newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.